ACQUA NELLA BENZINA: PRENDETE QUESTE PRECAZIONI.

VOLARE SICURI ha ricevuto una segnalazione da un Aviatore che riferisce “con riferimento a un incidente occorso in Italia nelle scorse settimane per piantata motore, incidente conclusosi con pochi danni all’aereo e pilota incolume, grazie alla fortuna di avere una campagna vicino e alla abilità del pilota nel gestire l’emergenza, si è accertato che nei serbatoi dell’aereo c’erano 15 LITRI (AVETE LETTO BENE: 15 LITRI!) di ACQUA!
Cii sarebbero serie possibilità che l’acqua sia stata immessa a bordo in occasione di un rifornimento fatto in una aviosuperficie munita di DISTRIBUTORE CON POMPA.”
L’Aviatore sottolinea che
“Il fatto riferito è certo e documentato”.
VOLARE SICURI, che non pubblica nomi e località per riservatezza, condivide l’avviso dell’Aviatore e vi invita a riflettere sul fatto che certamente in occasione dei rifornimenti tutti noi usiamo l’imbuto separatore.
TUTTAVIA quando si fa benzina presso un distributore con pompa si è indotti a fidarsi del fatto che l’erogatore abbia filtri adeguati.
ATTENZIONE! NON E’ LA PRIMA VOLTA CHE ACCADE:IN ITALIA, NEL 2016 in una manifestazione aerea in Italia, s’e’ verificato lo stesso problema, senza conseguenze per la prontezza del capo formazione che non ha effettuato il volo.
IL NOSTRO suggerimento è di usare l’imbuto separatore SEMPRE.
Anche quando si fa benzina presso strutture che appaiono professionali. E anche quando il gestore, grandissimo amico, assicura che ci si può fidare. Spesso lo stesso gestore è in BUONA FEDE e la causa è qualcosa di avvenuto per così dire “accidentalmente”.
Tra le tante cause possibili, una piccola breccia nel serbatoio sottoterra che fa filtrare acqua dalla campagna. Oppure un fornitore con una autobotte non pulita come si deve.
Insomma, POICHE’ non abbiamo certezza della bontà del carburante la proposta di VOLARE SICURI è:
USIAMO SEMPRE L’IMBUTO SEPARATORE
possibilmente uno di cui siamo certi che funzioni.
Grazie ad un altro Aviatore siamo in grado di aggiungere altri due suggerimenti:
1) verificare periodicamente che il filtro separatore sia efficiente, facendo scorrere lentamente dell’acqua e controllando che l’acqua venga trattenuta. I filtri non sono eterni;
2) anche se pochi di noi lo fanno, effettuare uno spurgo pochi minuti dopo il rifornimento. Anche se durante il rifornimento l’acqua si rimescola con il combustibile, dopo alcuni minuti si sarà depositata.
Voli emozionanti e sicuri a tutti !!

ATTERRARE SULL’AEROPORTO SBAGLIATO. PUÒ ACCADERE ANCHE A NOI

VOLARE SICURI diffonde la notizia che l’Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) ha aperto una inchiesta di sicurezza per l’inconveniente grave occorso l’1 luglio 2018 ad un ultraleggero AVANZATO ( di cui non citiamo ne’ tipo ne’ nominativo perché NON serve per i nostri scopi) .
L’aeromobile, decollato con il solo pilota a bordo da un aviosuperficie del centro Italia con destinazione l’aeroporto di Verona Boscomantico, è atterrato, senza contattare il competente ente ATC (Air Traffic Control) e senza autorizzazione, sull’aeroporto di Verona Villafranca. Il pilota era in contatto radio con Boscomantico che gli ha chiesto di riportare in “base 26” , NON ha contattato Villafranca evidentemente convinto di essere sulla propria destinazione ed è atterrato per 04 a Villafranca.
VOLARE SICURI ricorda che Boscomantico ha una pista di 1000 x 22 mt. orientata per 08- 26. Qui sotto due foto dei due aeroporti.
VIllafranca ha una pista di 3068 x 45 mt orientata per 04-22.
Pe favore NON pensate “A me non può capitare”.
Noi cosa controlliamo prima di entrare in circuito e durante l’avvicinamento?
Voli emozionanti e sicuri a tutti !

Acconsento al trattamento dei miei dati personali. Leggi la Privacy Policy.